Notizie

novembre 07, 2019 Notizie

Rafforzare la cooperazione nella lotta ai reati contro la proprietà intellettuale


 

L’Europol, l’agenzia dell’Unione europea per la cooperazione nell’attività di contrasto, e l’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) hanno oggi siglato formalmente un accordo per intensificare ulteriormente la loro cooperazione nella lotta alla violazione dei diritti di proprietà intellettuale, sia online sia offline.

L’Europol e l’EUIPO collaborano dal 2013 su una serie di problematiche. Nel 2016, hanno intensificato la loro collaborazione per creare la Coalizione coordinata per la lotta ai reati contro la proprietà intellettuale (IPC3), un’unità specializzata all’interno dell’Europol, finanziata dall’EUIPO.

Fin dall’inizio, l’unità IPC3 ha coordinato e prestato sostegno alle operazioni transfrontaliere volte a combattere i reati contro la proprietà intellettuale in tutta l’UE. Le operazioni dell’unità hanno riguardato diversi settori: prodotti farmaceutici, prodotti alimentari e bevande, pesticidi, contraffazione di beni di lusso, abbigliamento, elettronica, componenti di automobili, giocattoli e streaming illegale. In totale, sono stati confiscati beni contraffatti per un valore di oltre 980 milioni di EUR.

Inoltre, grazie all’attività dell’unità sono stati identificati e/o smembrati più di cento gruppi di criminalità organizzata. Le indagini coordinate dall’unità IPC3 hanno anche associato i reati connessi alla proprietà intellettuale alla salute e alla sicurezza dei consumatori, al traffico di stupefacenti, all’evasione fiscale, alle frodi e al finanziamento del terrorismo.