Commercio di merci contraffatte e usurpative: una mappatura dell'impatto economico

L'Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale e l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) hanno effettuato uno studio sul commercio globale di merci contraffatte e usurpative, in cui hanno analizzato sia l'impatto dei fenomeno sull'economia, sia la quota del commercio internazionale da esso interessata. In particolare, l'obiettivo principale di questo studio è quello di verificare, da un punto di vista quantitativo, il valore, la portata e le tendenze del commercio di prodotti tangibili contraffatti e usurpativi.

Questo studio si concentra principalmente sulla violazione dei diritti d'autore, dei marchi di fabbricazione, dei disegni o modelli e dei brevetti. Tuttavia, esso non tratta le violazioni di beni intangibili, come la pirateria on-line, né gli altri diritti di proprietà intellettuale. Lo studio costituisce il seguito di uno studio precedente dell'OCSE intitolato "L'impatto economico della contraffazione e della pirateria" pubblicato nel 2008, completandolo ed approfondendolo.



"La proprietà intellettuale genera valore per le imprese e le economie e l'efficace tutela e applicazione della PI aiutano a promuovere l'innovazione e la crescita economica. Ai governi di tutto il mondo occorrono dati affidabili e oggettivi per poter valutare il pericolo costituito dalla contraffazione e dalla pirateria a livello nazionale, dell'UE e internazionale. Questo studio fornisce loro un contributo per lo svolgimento di tale compito".

António Campinos, Direttore esecutivo dell'EUIPO


Conseguenze ed entità del fenomeno

I prodotti contraffatti o usurpativi provengono da molteplici economie, tra cui la Cina sembra essere il più grande mercato produttore. È spesso possibile trovare questi prodotti illegali in molti settori, da quello dei di beni di lusso (ad es. accessori di moda o orologi di alta gamma) passando per i prodotti intermedi (ad es. macchine, pezzi di ricambio o sostanze chimiche), fino ai beni di consumo che hanno un impatto sulla salute e sulla sicurezza delle persone (ad es. prodotti farmaceutici, bevande e alimenti, attrezzature mediche o giocattoli).


 

Guarda questo video. Molti prodotti sono a rischio a causa della contraffazione e della pirateria, dai beni di lusso ai prodotti oggetto di scambio tra imprese, fino ai comuni prodotti di consumo.

Apri una finestra modale

 


Risultati principali

  • Nel 2013, sulla base dei dati più recenti relativi a questo anno, il commercio internazionale di merci contraffatte e usurpative ha rappresentato fino al 2.5 % (338 miliardi di EUR) del commercio mondiale.
  • Nell'UE tali prodotti costituiscono il 5 % di tutte le importazioni per un valore di circa 85 miliardi di EUR.
  • Le merci contraffatte e usurpative possono provenire da tutte le economie e le economie emergenti giocano un ruolo importante in questo fenomeno, sia come produttori di beni contraffatti, sia come zone di transito.
  • Le marche che maggiormente risentono della contraffazione sono quelle registrate principalmente nei paesi OCSE e nei paesi membri dell'UE.
  • La Cina sembra essere la maggior economia produttrice di merci contraffatte.
  • I contraffattori ricorrono sempre più spesso a piccole spedizioni, a causa dell'aumento del commercio elettronico e anche per ridurre il rischio e le conseguenze finanziarie di un'eventuale individuazione.


Risorse
Versione integrale Mostra Nascondi
EN
 
Sintesi Mostra Nascondi
BG
 
CS
 
DA
 
DE
 
EL
 
EN
 
ES
 
ET
 
FI
 
FR
 
HU
 
HR
 
IT
 
LT
 
LV
 
MT
 
NL
 
PL
 
PT
 
RO
 
SK
 
SL
 
SV
 
Comunicato stampa Mostra Nascondi
BG
 
CS
 
DA
 
DE
 
EL
 
EN
 
ES
 
ET
 
FI
 
FR
 
HU
 
HR
 
IT
 
LT
 
LV
 
MT
 
NL
 
PL
 
PT
 
RO
 
SK
 
SL
 
SV
 
Infografica Mostra Nascondi