I cittadini europei e la proprietà intellettuale: percezione, consapevolezza e comportamento


IP Perception

La PI è una delle risorse più preziose per l'Europa, ma viene anche regolarmente messa in discussione. Grazie a questo studio possiamo ora fornire dati indipendenti e affidabili sulle percezioni e il comportamento dei cittadini europei per quanto riguarda la PI e le sue violazioni.

António Campinos, Direttore esecutivo dell'EUIPO


Open the study's infography

* Fare clic sull'immagine da aprire

I cittadini europei e la proprietà intellettuale (PI) è la prima  indagine a livello europeo per effettuare una valutazione dettagliata delle percezioni di PI dei cittadini e degli elementi di guida corrispondenti dei comportamenti dei consumatori.

L'indagine viene lanciata in un momento in cui la PI non è mai stata così presente nella vita di tutti i giorni dei cittadini europei. I diritti di proprietà intellettuale coprono tutto, dagli alimenti che si mangiano ai vestiti che s'indossano. Grazie all'esplosione nei contenuti e alla tecnologia digitale, siamo più che mai vicini slla PI.






Fatti principali

I cittadini europei sono largamente favorevoli alla DPI.

  • Il 96% degli europei ritiene che la PI sia importante perché supporta l'innovazione e la creatività ricompensando inventori, creatori e artisti
  • l'86% concorda sul fatto che la protezione della PI contribuisce al miglioramento della qualità di prodotti e servizi
  • Il 69% stima la PI perché contribuisce alla creazione di posti di lavoro e al benessere economico

A livello individuale, vi è un certo livello di tolleranza per l'idea che le violazioni di PI possano essere considerate legittime.

  • Una media del 34% degli europei ritiene che l'acquisto di merci contraffatto possa essere giustificato per risparmiare denaro
  • Il 38% afferma che i prodotti contraffatti possono essere giustificati come un atto di protesta contro un'economia guidata dal mercato
  • Il 22% pensa che scaricarli sia accettabile quando non vi è nessuna alternativa legale
  • Il 42% degli europei pensa che sia accettabile per uso personale


Chi ha contribuito allo studio?

La presente relazione integra lo studio "Industrie avanzate in materia di diritti di proprietà intellettuale: contributo alle attività economiche e all'occupazione nell'UE" ed è stato commissionato dall'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) tramite l'Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale.

La presente relazione è stata svolta e consegnata da Edelman Berland, una società di consulenza e ricerca strategica specializzata nelle percezioni delle parti interessate e nella valutazione dell'opinione pubblica.

Come è stato condotto lo studio?

La ricerca si è svolta tra il dicembre 2012 e l'agosto 2013 e ha coinvolto i 28 STATI MEMBRI dell'Unione europea Si è ripartita in tre fasi: un esame della letteratura, una ricerca qualitativa e una fase quantitativa.

  • L'esame della letteratura ha analizzato studi e pubblicazioni degli ultimi cinque anni al riguardo.
  • La fase qualitativa ha coinvolto più di 100 ore di discussione con 250 cittadini europei di età compresa tra 15 e 65 anni. Gruppi di discussione e colloqui approfonditi sono stati tenuti in una scelta di 9 Stati membri: Croazia, Francia, Germania, Italia, Lituania, Polonia, Regno Unito, Spagna e Svezia.
  • Nel processo quantitativo, più di 26 500 cittadini europei hanno espresso i loro punti di vista grazie a un questionario condotto per telefono.


Risorse
Relazione completa Mostra Nascondi
Sintesi Mostra Nascondi
Comunicato stampa Mostra Nascondi
BG
 
CS
 
DA
 
DE
 
EN
 
ES
 
ET
 
FI
 
FR
 
HR
 
IT
 
LT
 
LV
 
MT
 
NL
 
PL
 
PT
 
RO
 
SK
 
SL
 
SV
 
Banner elettronici 600 x 160 Mostra Nascondi
BG
 
CS
 
DA
 
DE
 
EN
 
ES
 
ET
 
FI
 
FR
 
HR
 
IT
 
LT
 
LV
 
MT
 
NL
 
PL
 
PT
 
RO
 
SK
 
SL
 
SV
 
Banner elettronici 300 x 250 Mostra Nascondi
Infografica Mostra Nascondi