Vai alla pagina iniziale
EUIPO
Tutela i tuoi marchi, disegni e modelli nell´Unione europea

Tutela la tua proprietà intellettuale nell´Unione europea

Menu

Moduli di domanda internazionale

Dal 1° ottobre 2014 è possibile presentare una domanda internazionale o una successiva designazione sulla base di un marchio dell’Unione europea (MUE) o di una domanda MUE.

 

Modulo di domanda internazionale

È obbligatorio l’uso di un modulo ufficiale (articoli 183 e 184, RMUE, articolo 65, RDMUE, e articolo 28, REMUE), fornito dall’EUIPO o dall’Ufficio internazionale. Una domanda internazionale può essere presentata online:

Presentazione di una domanda internazionale online

Per la presentazione di una domanda internazionale è dovuta all’EUIPO una tassa di trasmissione di 300 EUR. Tutte le altre tasse relative alle domande internazionali devono essere versate direttamente all’OMPI. Eventuali pagamenti per domande di registrazione internazionale pervenuti all’EUIPO saranno restituiti ai richiedenti. Ulteriori informazioni sui pagamenti all’OMPI sono disponibili nell’apposita sezione sul pagamento delle tasse.

Per ulteriori informazioni sulla presentazione delle domande internazionali in cui l’EUIPO è l’Ufficio di origine, si rimanda alle Direttive, parte M, Marchi internazionali.

 

 

Modulo di designazione successiva

È obbligatorio l’uso di uno dei seguenti moduli ufficiali:

  • Per l’inglese, il francese o lo spagnolo: usare il corrispondente modulo dell’OMPI (MM4).
     
  • Per le altre 20 lingue ufficiali (eccetto l’irlandese): usare il modulo dell’EUIPO (EM4). Questo ha lo stesso contenuto e quasi la medesima configurazione del modulo dell’OMPI (MM4).

Il foglio di calcolo delle tasse (PDF, Word) è considerato parte essenziale della designazione successiva. Se non è compilato nella lingua corretta (vale a dire, la lingua in cui la domanda internazionale è destinata a essere trasmessa all’OMPI) e allegato al modulo EM4, l’OMPI considererà irregolare la domanda.

 

Moduli di domanda internazionale e di designazione successiva in caso di designazione dell’UE (EUIPO quale Ufficio designato)

Dal 1° ottobre 2004 è possibile designare l’Unione europea servendosi dei moduli OMPI:

  • MM2 (domanda di registrazione internazionale o RI disciplinata esclusivamente dal protocollo di Madrid);

  • MM4 (designazione successiva alla RI).

Tali moduli sono stati modificati dall’OMPI in particolare per permettere di indicare una seconda lingua (diversa dalla prima) tra le quattro rimanenti lingue dell’EUIPO in caso di designazione dell’UE.

Per le eventuali rivendicazioni di preesistenza in una domanda internazionale è stato predisposto un modulo a sé, da allegare alla stessa domanda internazionale in caso di designazione (di prima istanza o successiva) dell’Unione europea

  • MM17 (rivendicazione di preesistenza – Unione europea)

 

Istanza di trasformazione di una registrazione internazionale (RI) che designa l’UE

Il modulo compilato (cfr. note) deve essere inviato direttamente alla sede dell’EUIPO in Alicante per tutti i tipi di trasformazione.

Poiché il ritiro («opting back») è trattato dall’OMPI come designazione successiva, tutte le tasse previste per questo tipo di trasformazione in relazione alla o alle designazioni successive devono essere versate direttamente all’OMPI.

Pertanto deve essere allegato il foglio di calcolo delle tasse dell’OMPI (PDF, Word) nella lingua della RI.

 

Istanza di divisione di una registrazione internazionale (RI) che designa l’UE

A partire dal 1° febbraio 2019, è possibile richiedere una divisione della designazione UE in una registrazione internazionale.
È obbligatorio utilizzare il modulo ufficiale OMPI MM22 (compreso il corrispondente foglio di calcolo delle tasse) disponibile in inglesefrancesespagnolo.

Il modulo deve essere trasmesso all’EUIPO nella lingua della RI. Poiché il modulo dell’OMPI non prevede l’indicazione dei prodotti o dei servizi che devono rimanere nella registrazione originale, si richiede di aggiungere una pagina al modulo con questa indicazione, conformemente agli articoli 8 e 11 REMUE.

Ultimo aggiornamento della pagina 30-04-2020
Utilizziamo cookie sul nostro sito web per supportare caratteristiche tecniche che migliorano l’esperienza dell’utente. Inoltre, applichiamo tecniche di analisi dei dati. Clicca per maggiori informazioni