Vai alla pagina iniziale
EUIPO
Tutela i tuoi marchi, disegni e modelli nell´Unione europea

Tutela la tua proprietà intellettuale nell´Unione europea

Menu

Allargamento dell’UE

 


Dopo ogni futuro allargamento dell’Unione europea, qualsiasi marchio UE e disegno o modello comunitario oggetto di domanda o di registrazione prima dell’adesione di nuovi paesi si estenderà in modo automatico al/ai nuovo/i Stato/i membro/i senza compimento di formalità o pagamento di tasse.
 
Per ulteriori informazioni consultare le Direttive, parte A, Disposizioni generali, sezione 9, Allargamento.

No. Non è possibile contestare la validità di marchi UE estesi (registrazioni di marchi UE o domande di registrazione di un marchio UE in corso) sulla base di impedimenti assoluti divenuti applicabili unicamente a causa dell’adesione di nuovi Stati membri. Ad esempio, nel caso in cui un marchio UE registrato sia costituito da una parola ritenuta descrittiva nella lingua di un nuovo Stato membro, questo motivo non sarà considerato sufficiente per depositare una domanda di nullità, come stabilito dal regolamento sul marchio UE.

Maggiori informazioni sui marchi nell’Unione europea.

No. I marchi UE che sono stati oggetto di domanda o registrati prima dell’adesione dei nuovi Stati membri non saranno tradotti né pubblicati nelle nuove lingue. Tuttavia, a decorrere dalla data di adesione, le lingue ufficiali dei nuovi Stati membri saranno lingue ufficiali dell’UE e, di conseguenza, tutti i marchi UE di cui si richiederà la registrazione a decorrere da tale data saranno tradotti nelle nuove lingue ufficiali.

Sì. I titolari di diritti nazionali anteriori possono vietare l’uso (unicamente) di marchi UE estesi nel territorio di un nuovo Stato membro in forza della legislazione nazionale, a due condizioni. In primo luogo, qualora i diritti anteriori siano stati registrati, richiesti o acquisiti nel nuovo Stato membro anteriormente alla data della sua adesione e, in secondo luogo, purché i diritti anteriori siano stati acquisiti in buona fede. Tale disposizione garantisce il carattere unitario del sistema del marchio dell’UE, perché in tal modo un marchio UE rimane valido per tutti gli Stati membri dell’Unione europea e il suo uso è vietato unicamente nel territorio del «nuovo Stato membro» dove sussiste un diritto anteriore contrastante.

Per ulteriori informazioni, si veda la decisione n. 2013-3 del Presidium delle Commissioni di ricorso del 5 luglio 2013 relativa alla composizione amichevole delle controversie («Decisione relativa alla mediazione»).

L’EUIPO ha redatto un documento contenente domande e risposte (Questions and Answers, Q&A) sui marchi UE nonché sui disegni e modelli comunitari registrati nel contesto della notifica relativa all’intenzione del Regno Unito di ritirarsi dall’Unione Europea.

Per ulteriori informazioni, consultare le Q&A.

Le domande e le risposte fornite su questa pagina hanno valore puramente informativo e non rappresentano un punto di riferimento giuridico. Per ulteriori informazioni, cfr. il regolamento sul marchio dell’Unione europea e il regolamento sui disegni e modelli comunitari o le direttive sui marchi / disegni e modelli.

Per maggiori informazioni su come l’Ufficio tratta i tuoi dati personali, cfr. la dichiarazione sulla protezione dei dati.
 

Ultimo aggiornamento della pagina 11-05-2018
Utilizziamo cookie sul nostro sito web per supportare caratteristiche tecniche che migliorano l’esperienza dell’utente. Inoltre, applichiamo tecniche di analisi dei dati. Clicca per maggiori informazioni
x